Detrazioni Fiscali e Contributi economici

Contributi a privati per eliminazione barriere architettoniche

CHE COSA SONO
L’erogazione di contributi per l’abbattimento di barriere avviene esclusivamente per opere ancora da realizzare al momento della domanda.

La somma erogata corrisponde, al massimo, al preventivo presentato dal richiedente; non potrà comunque essere superiore.
Nel caso di fatturazione inferiore al preventivo, la somma erogata si riferirà all’importo della fattura.

RIVOLTO A
Disabili o persone esercenti la patria potestà o la tutela sul disabile. La barriera architettonica da abbattere deve essere sul fabbricato di residenza, non in luoghi di lavoro o luoghi abitualmente frequentati, quali circoli, ecc.

COSA OCCORRE
Presentare domanda in bollo, su apposito modulo, a firma del disabile o di chi ne esercita la patria potestà.

  • Occorre allegare la seguente documentazione:
    – descrizione della natura delle barriere e dei lavori necessari (autodichiarazione)
    – certificato del medico in carta libera attestante l’handicap o certificato ASL dichiarante tipo e gravità dell’handicap
    – indicazione del valore ISEE del nucleo familiare di cui l’invalido fa parte
    – indicazione importo di spesa per i lavori
  • Costo:
    Euro 16,00 per la domanda
  • Scadenza
    1° marzo di ogni anno

INFORMAZIONI UTILI

  • Le domande raccolte vengono inserite in una graduatoria, formulata in base alla gravità della disabilità e alla data di presentazione della domanda. La graduatoria sarà inviata alla Regione  che, successivamente, invierà al Ministero competente la richiesta di finanziamento. L’avviso di riscossione arriva al domicilio dell’interessato.
    La riscossione si effettua poi alla Tesoreria comunale o attraverso accredito sul conto corrente.
    Esiste un sistema di graduazione per i contributi superiori a euro 2.582 circa.
  • I tempi dell’iter sono:
    – mediamente un anno per l’inserimento in graduatoria
    – circa due anni per l’erogazione effettiva del contributo e comunque non prima della presentazione della fatturazione, a lavori eseguiti.

Normativa di riferimento: L13/89 – DM 236/89 – DGR 171 del 17/02/2014

DOVE ANDARE

Presso il proprio Comune di residenza

  • Sportello unico per l’edilizia
  • Ufficio tecnico comunale
  • Per le pratiche si può fare riferimento anche alle associazioni di tutela degli invalidi o portatori di handicap.